STUDIO LAFFRANCHI DI RADIOLOGIA E TERAPIA FISICA
Studio Medico polispecialistico presente in Como dal 1961

 

Magnetoterapia di risonanza

Le diverse cellule, costituenti i tessuti dell'Organismo, hanno forma diversa, a seconda del tessuto biologico al quale appartengono. Tale diversitÓ di forma provoca una differenza della polaritÓ di membrana e quindi una differenza della corrente endogena che le attraversa e quindi del campo magnetico ad esse associato.

Il campo magnetico cellulare Ŕ strettamente legato alla massa-forma della cellula in esame. Una dimostrazione pratica di tale realtÓ Ŕ la RNM (Risonanza Magnetica Nucleare) che riesce a creare immagini dei tessuti in esame discriminando il diverso campo magnetico endogeno di ogni cellula.

In magnetoterapia di risonanza le cellule del tessuto bersaglio vengono sollecitate con campi magnetici esterni che hanno le stesse caratteristiche fisiche dei campi magnetici endogeni alle cellule stesse.

Nella progettazione dei campi magnetici terapeutici occorre tener presente che si agisce su tessuti biologici vivi e che le caratteristiche dei campi magnetici cellulari sono in continua evoluzione, seguendo il progetto di salute o di malattia dell'Organismo (Omeostasi biochimica/energetica).

A questo proposito, occorre utilizzare i concetti della teoria dei frattali che ci consente di valutare con che precisione sia necessario realizzare i campi magnetici terapeutici rispetto alle caratteristiche dei campi magnetici bersaglio. In questa fase Ŕ importante considerare come il comportamento dei sistemi complessi, quali quelli biologici, segua regole di non linearitÓ che descrivono il continuo cambiamento dei sistemi stessi.

Tale cambiamento, quando Ŕ fisiologico, Ŕ sempre soggetto a controllo. Sulla base di modelli matematici, si possono descrivere le evoluzioni (traiettorie) dei sistemi dinamici secondo il concetto di attrattore che descrive compitamente, seppur in modo statistico, le tendenze biologiche dei parametri in studio.

Per concludere Ŕ possibile realizzare campi magnetici terapeutici di risonanza in grado di spingere il tessuto biologico bersaglio verso lo stato di equilibrio biodinamico opportuno che corrisponde allo stato di omeostasi energetica/biochimica compatibile con lo stato di salute del paziente.


Riferimenti:

  • Adely, W.R. (1993) Whispering between cells: electromagnetic fields and regulatory mechanisms in tissue. Frontier Perspect. 3: 21-25
  • Basset, C:A:L:, Pawluk, R.J. and Pilla, A.A. (1974) Augumentation of bone repair by inductively coupled electromagnetic fields. Science 184: 575-579
  • Bellavite, P., Andrighetto, G. e Zatti, M. (1995) Omeostasi, ComplessitÓ e Caos, un'Introduzione. Franco Angeli, Milano.
  • Bistolfi, F. (1989) Radiazioni Non Ionizzanti, Ordine, Disordine e Biostrutture. Ed. Minerva Medica, Torino.
  • Del Giudice, E., Doglia, S., Milani, M. and Vitiello, G. (1988a) Structures, correlations and electromagnetic interactions in living mater: Theory and applications. In: Biological Coherence and Response to External Stimuli (H. Frohlich, ed.) Springer-Verlag, Berlin-Heidelberg: 49-64.
  • Frohlich, H. (ed.) (1988) Biological Coherence and Response to External Stimuli. Springer-Verlag, Berlin-Heidelberg.
  • Konig, H.L. (1989) Bioinformation. Electrophysical aspects. In: Electromagnetic bio-information (Popp et al., eds) Urban & Schwarzenberg, Munchen: 42-73.
  • Popp, F.A., Li, K.H. and Gu, Q. (eds.) (1992) Recent Advances in Biophoton Research and its Applications. World Scientific, Singapore.
  • Weaver, J.C. and Astumian, R.d. (1990) The response of living cells to very weak electric fields: the thermal noise limit. Science 247: 459-462